BLOG

News e approfondimenti di assoluta valenza scientifica
sul mondo delle Scienze Motorie

allenamento-in-sospensione

Allenamento in sospensione

L’allenamento in sospensione ha fatto il suo esordio intorno al 1990, utilizzato per lo più in campo militare. Tuttavia negli ultimi anni, nei centri fitness, durante preparazioni atletiche, in centri di rieducazione si è diffuso l’utilizzo del suspension training e questa pratica ha guadagnato sempre più popolarità. Data la versatilità, l’adattabilità e il costo relativamente basso dell’attrezzo, è opportuno che il laureato in Scienze Motorie, sia a conoscenza delle evidenze presenti nella letteratura scientifica, nonostante quest’ultima non sia molto ricca data la recente diffusione dell’attrezzo. Quest’ultimo è formato da due cinghie che convergono in un punto di ancoraggio, alle estremità di esse vi sono delle maniglie alle quali colui che lo utilizza vi si aggancia con le mani o i piedi,gli arti non agganciati all’attrezzo sono in contatto con il terreno. Il suo utilizzo, comporta l’assunzione diuna posizione instabile che espone il centro di massa del nostro corpo a costanti “perturbazioni”, a quest’ultime vanno aggiunti altri tre fattori che influenzano l’esercizio ovvero, la forza di gravità, la forza muscolare e la forza di impatto fisiologico e forze di deformazione (Pastucha et al. 2012). E’ già semplice percepire, da queste prime righe, l’alta funzionalità dell’attrezzo nella formazione di un atleta di qualsiasi

LEGGI L'ARTICOLO
bbca amminoacidi ramificati

BCAA: Amminoacidi ramificati, davvero utili?

Sono le molecole maggiormente rappresentate nel muscolo scheletrico, andando a costituire circa il 35% delle proteine totali, ed hanno finalità sia eutrofica che energetica. Proprio questo ha permesso la loro grande diffusione, considerando anche il fatto che rispetto alle proteine hanno meno impatto negativo sugli organi. Ultimamente c’è stato però un ridimensionamento riguardo gli effettivi benefici in ambito dell’integrazione sportiva e la letteratura scientifica non è d’aiuto per l’eccessiva disparità di pensiero e contraddizione. Sono conosciuti e per questo utilizzati: per migliorare la performance a scopo energetico, durante le attività particolarmente intense come quelle di endurance, in cui, se le fonti energetiche di lipidi e glucidi sono carenti, vengono utilizzate le proteine per ottenere energia; per prevenire i danni muscolari dovuti ad attività fisica intensa, quindi assumendoli prima dell’allenamento come anticatabolici per accelerare i tempi di recupero; per aumentare la crescita muscolare, principalmente tramite la leucina, sia per la sua capacità insulinogenica che per essere tra i principali attivatori di mTor, una protein-chinasi stimolante la sintesi proteica e riconosciuta come uno dei principali regolatori endogeni dell’anabolismo; per ridurre il senso di fatica in quanto, con la presenza di BCAA nel sangue, si riduce la quota di triptofano libero che entrerà

LEGGI L'ARTICOLO
allenamento-età-giovanile

L’allenamento in età giovanile

Lo sport costituisce per i giovani una grande opportunità per dare significato all’esistenza. Produce un elevato impatto emotivo ed espressivo, accentua la coscienza di sé e l’autostima attraverso il piacere che si prova a scoprire cose nuove ed a percepire i propri progressi. La ricchezza di emozioni esalta i processi cognitivi e di apprendimento motorio; i processi motivazionali, di concentrazione, di perseveranza e di gestione dell’attenzione vengono fortemente stimolati e quindi migliorati. Essi sono trasferibili nelle altre attività sociali. Lo sport, quindi, può rappresentare uno spazio personale per emozioni e libertà (che la routine quotidiana spesso sottrae ai giovani); un fattore di sostegno per lo sviluppo della personalità ed un fattore di qualità di vita. In ogni età è consigliato effettuare attività proporzionata alla struttura fisica, al fine di preservare o esaltarne le potenzialità in linea con le cosiddette FASI SENSIBILI. Ciò significa che la durata e l’intensità vanno commisurate al beneficio che si vuole ottenere, ma significa anche che sono variabili soggettive, e che possono o addirittura devono essere considerate la base su cui costruire sia l’allenamento specifico che la normale e regolare attività fisica. Non necessariamente il giovane deve diventare un campione; potremmo però dire che obbligatoriamente deve

LEGGI L'ARTICOLO
esercizio-fisico-glucidi

Quale esercizio per il controllo dei glucidi?

Il ruolo centrale di questa discussione spetta all’insulina, l’ormone ipoglicemizzante per eccellenza. Dopo un pasto carico di zuccheri, l’insulina viene prodotta dal pancreas per reclutare glucosio e trasferirlo in vari tessuti; al tempo stesso però l’insulina blocca la lipolisi e la glicolisi, favorendo ovviamente il suo effetto ipoglicemizzante. Ci sarà di conseguenza un effetto “ingrassante” sia dovuto alla lipogenesi attivata, che successivo alla saturazione delle scorte di glicogeno. Ma… C’è altro da sapere…. L’azione dei GLUT-4 diventa fondamentale adesso: questi trasportatori insulino-dipendenti permettono l’entrata del glucosio nelle cellule dei muscoli scheletrici, del cuore e dell’organo adiposo. Un’alterazione nella funzione di questi trasportatori favorisce la conversione del glucosio in acidi grassi, conversione che viene ampliata dalla presenza di trigliceridi nel sangue (da qui la conferma alla frase “carboidrati e grassi non vanno mangiati insieme”). A questo punto entrano in gioco anche le proteine che, tramite i loro amminoacidi insulinogenici, richiamano insulina migliorando l’attività dei GLUT-4 e favorendo in questo senso la funzione dimagrante. L’esercizio fisico non ha un ruolo secondario in questo discorso: soggetti sedentari e in sovrappeso/obesità possono molto più facilmente e precocemente incappare in insulino-resistenza rispetto a soggetti sportivi. Questo perché non solo l’attività fisica, anche a bassa intensità,

LEGGI L'ARTICOLO
lingua-postura

Come la lingua può influenzare la postura e la performance

Sia a riposo che nella deglutizione fisiologica, la lingua poggia su un punto preciso del palato: le rughette palatine, punto che chiameremo SPOT PALATINO. In questo punto sono presenti una quantità elevatissima di ben 5 tipi diversi di esterocettori, presenti anche a livello della pianta del piede. Tali recettori presenti in quel punto del palato, fanno capo alla seconda branca del trigemino (N. Mascellare dove tra i rami efferenti troviamo il  n. naso-palatino,  che è il più grande nervo cranico che innerva la faccia, occhi, naso e bocca). Questi recettori rivestono un ruolo posturale peculiare, cioè quello di comunicare al SNC informazioni. Dobbiamo sapere inoltre che la lingua è inserita in quella che viene definita CATENA MUSCOLARE ANTERIORE o catena “LINGUALE”, un insieme di anelli muscolari che prende inizio dalla lingua, passa per lo sternocleidomastoideo, la V costa, continua lungo il gran retto dell’addome fino al pube, poi attraverso gli adduttori ed il gemello interno arriva fino al 1° metatarso. A livello degli arti superiori invece finisce il suo percorso a livello del pollice. Se pensiamo che la lingua per ogni deglutizione spinge con una forza di 1 Kg per pollice quadrato, quindi arriva ad esercitare una forza di 1500-2000

LEGGI L'ARTICOLO
mesomorfia

Mesomorfia: Come avere l’approccio vincente come personal trainer

(3 di 3 articoli sulle metodiche di allenamento e consigli alimentari) Concludiamo oggi, con l’ultimo articolo riguardante l’Approccio vincente come Personal Trainer, la Trilogia sulla SOMATOTIPIA. Soprattutto nell’allenamento ONE to ONE per esempio, si incorre spesso in clienti di tipo ecto-mesomorfo, endo-ectomorfo etc. Non avere conoscenza di questo principio, può essere fuorviante soprattutto per coloro che non hanno un approccio scientifico e potrebbero non avere una buona comprensione di cosa succede al proprio cliente. I biotipi o “SOMATOTIPI” sono semplici da capire e da definire in un senso ma, complicati in altro tanto da non poter esattamente affermare che noi apparteniamo a un unico tipo di corpo ma bensì abbiamo delle sovrapposizioni. Nelle vecchie scuole di pensiero dell’osservazione diretta (a nostro avviso molto approssimativa) il professionista dovrebbe avere una conoscenza di base di una metodologia di valutazione antropometrica per la determinazione e un ottima conoscenza degli algoritmi per la classificazione di essa. L’altra cosa da sottolineare è che, i corpi di tutti sono unici e per quanto si voglia generalizzare con metodiche di valutazione approssimative, per la categorizzazione di tali soggetti è necessario cmq avere una conoscenza e competenza per realizzare tali determinazioni. Mesomorfia (per la deteminazione con plicometria, centimetria

LEGGI L'ARTICOLO
endomorfia

Endomorfia: come avere l’approccio vincente come personal trainer

(2 di 3 articoli sulle metodiche di allenamento e consigli alimentari). Continuiamo la serie di articoli sulla somatotipia. Oggi analizzeremo il Cliente ENDOMORFO cercando di dare dei validi consigli per l’approccio da Persona Trainer. Cari Laureati in SM non preoccupatevi, i biotipi o “SOMATOTIPI” sono semplici da capire e da definire in un senso ma, complicati in altro tanto da non poter esattamente affermare che noi apparteniamo a un unico tipo di corpo ma bensì abbiamo delle sovrapposizioni. Nelle vecchie scuole di pensiero dell’osservazione diretta (a nostro avviso molto approssimativa) il professionista dovrebbe avere una conoscenza di base di una metodologia di valutazione antropometrica per la determinazione e un ottima conoscenza degli algoritmi per la classificazione di essa. Soprattutto nell’allenamento ONE to ONE per esempio, si incorre spesso in clienti di tipo ecto-mesomorfo, endo-ectomorfo etc. Non avere conoscenza di questo principio, può essere fuorviante soprattutto per coloro che non hanno un approccio scientifico e potrebbero non avere una buona comprensione di cosa succede al proprio cliente. Endomorfia (per la deteminazione con plicometria, centimetria e diametri ossei trasversi dedicheremo uno “short paper” nei prossimi giorni). • Corpo di forma arrotondata • Distribuzione di Grasso di solito • struttura rotonda • spalle

LEGGI L'ARTICOLO
ectomorfia

Ectomorfia: come avere l’approccio vincente come personal trainer

(1 di 3 articoli sulle metodiche di allenamento e non solo) I biotipi o “SOMATOTIPI” sono semplici da capire e da definire in un senso ma, complicati in altro, tanto da non poter esattamente affermare che noi apparteniamo a un unico tipo di corpo ma bensì abbiamo delle sovrapposizioni. Nelle vecchie scuole di pensiero dell’osservazione diretta (a nostro avviso molto approssimativa) il professionista dovrebbe avere una conoscenza di base di una metodologia di valutazione antropometrica per la determinazione e un ottima conoscenza degli algoritmi per la corretta classificazione. Soprattutto nell’allenamento ONE to ONE per esempio, si incorre spesso in clienti di tipo ecto-mesomorfo, endo-ectomorfo etc. Non avere conoscenza di questo principio, può essere fuorviante soprattutto per coloro che non hanno un approccio scientifico e potrebbero non avere una buona comprensione di cosa succede al proprio cliente. L’altra cosa da sottolineare è che i corpi di tutti sono unici e per quanto si voglia generalizzare dicendo che l’ectomorfo ha un minor numero di cellule satellite o fibre a contrazione più lenta, potrebbero non essere vere. (leggi questi due articoli per la comprensione di tale concetto) Cameron J. Mitchell, T. A.-V. (2012). Resistance exercise load does not determine training-mediated hypertrophic gains in

LEGGI L'ARTICOLO
CONDIVIDI SU
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
LE CATEGORIE
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Informativa ex art. 13 del Regolamento UE n. 679/2016

Newsletter

Questa informativa ha la finalità di fornire all'utente le informazioni relative al trattamento dei dati forniti per l’iscrizione alla newsletter del sito web traininglab-italia.com in conformità all' art. 13 del Regolamento Europeo n. 679/2016.

1. Titolare del trattamento

Titolare del trattamento è Asso srl con sede legale in Ragusa, via Marzabotto 32 - mail amministrazione@formability.eu , P.I. 01670840881

2. Responsabile esterno del trattamento

Con riferimento al solo indirizzo email dell’utente, responsabile del trattamento è MailerLite., che può essere contattato all’indirizzo email info@mailerlite.com

3. Finalità del trattamento dei dati

I dati personali raccolti dal titolare del titolare del trattamento sono finalizzati a fornire all'utente il servizio di newsletter del sito traininglab-italia.com

4. Base giuridica del trattamento

Il trattamento dei dati personali dell’utente avviene lecitamente ove: − è basato sul consenso dell'interessato

5. Conservazione dei dati

I Suoi dati personali, oggetto di trattamento per le finalità sopra indicate, saranno conservati per tutta la durata dell’iscrizione alla newsletter.

6. Comunicazione dei dati

Per la gestione e l’invio della newsletter, i Suoi dati personali (solo l’ indirizzo email) potranno essere comunicati a: - MailerLite: un servizio di gestione indirizzi e invio di messaggi email fornito da The Remote Company. (privacy policy https://www.mailerlite.com/legal/privacy-policy ); In caso di comunicazione dei dati a MailerLite, i dati personali dell’Utente potrebbero essere trasferiti in un paese diverso da quello in cui l’Utente si trova, anche negli Stati Uniti. MailerLite aderisce al EU-U.S. Privacy Shield.

7. Diritti dell’interessato

Tra i diritti riconosciuti agli interessati dal Regolamento UE n. 679/2016 rientrano quelli di: - chiedere l’accesso ai dati personali raccolti ed alle informazioni ad essi relative; - chiedere la rettifica dei dati inesatti o l’integrazione di quelli incompleti; - chiedere la cancellazione dei propri dati personali nelle ipotesi previste dall’art. 17, paragrafo 1 del Regolamento UE n. 679/2016; - chiedere la limitazione del trattamento dei dati dell’utente nelle ipotesi previste all’art. 18, paragrafo 1 del Regolamento UE n. 679/2016; - chiedere ed ottenere che i dati personali dell’utente trattati in modo automatizzato e acquisiti con il consenso dell'interessato o sulla base di un contratto stipulato con l'interessato siano forniti a quest’ultimo in un formato strutturato e leggibile da dispositivo automatico, anche al fine di comunicare tali dati ad un altro titolare del trattamento (diritto alla portabilità dei dati); - opporsi in qualsiasi momento al trattamento dei propri dati personali nelle ipotesi previste dall’art. art. 21 del Regolamento UE n. 679/2016. - revocare in qualsiasi momento il consenso, ma solo nell’ipotesi i cui il trattamento sia basato sul consenso per una o più finalità e riguardi dati personali comuni (come data e luogo di nascita o luogo di residenza) ovvero categorie particolari di dati (come origine razziale, opinioni politiche, convinzioni religiose, stato di salute o vita sessuale); - proporre reclamo a un’autorità di controllo e per l’Italia all’Autorità Garante per la protezione dei dati personali (www.garanteprivacy.it).

8. Modalità del trattamento

Il trattamento viene effettuato attraverso strumenti elettronici, per il tempo strettamente necessario a conseguire gli scopi per i quali i dati sono stati raccolti e, comunque, in conformità alle disposizioni normative vigenti in materia.

9. Conseguenze della mancata comunicazione dei dati personali

Il mancato conferimento dei dati richiesti all'interno del modulo newsletter comporta l'impossibilità di ricevere il servizio.

3 ORE E 45 MINUTI DI FORMAZIONE, COMPLETAMENTE GRATUITA, PER TE!

Lasciaci la tua mail e ti invieremo il link segreto per essere tra coloro che alzeranno ancora un po’, anche oggi, l’asticella.

Informativa ex art. 13 del Regolamento UE n. 679/2016

Newsletter

Questa informativa ha la finalità di fornire all'utente le informazioni relative al trattamento dei dati forniti per l’iscrizione alla newsletter del sito web traininglab-italia.com in conformità all' art. 13 del Regolamento Europeo n. 679/2016.

1. Titolare del trattamento

Titolare del trattamento è Asso srl con sede legale in Ragusa, via Marzabotto 32 - mail amministrazione@formability.eu , P.I. 01670840881

2. Responsabile esterno del trattamento

Con riferimento al solo indirizzo email dell’utente, responsabile del trattamento è MailerLite., che può essere contattato all’indirizzo email info@mailerlite.com

3. Finalità del trattamento dei dati

I dati personali raccolti dal titolare del titolare del trattamento sono finalizzati a fornire all'utente il servizio di newsletter del sito traininglab-italia.com

4. Base giuridica del trattamento

Il trattamento dei dati personali dell’utente avviene lecitamente ove: − è basato sul consenso dell'interessato

5. Conservazione dei dati

I Suoi dati personali, oggetto di trattamento per le finalità sopra indicate, saranno conservati per tutta la durata dell’iscrizione alla newsletter.

6. Comunicazione dei dati

Per la gestione e l’invio della newsletter, i Suoi dati personali (solo l’ indirizzo email) potranno essere comunicati a: - MailerLite: un servizio di gestione indirizzi e invio di messaggi email fornito da The Remote Company. (privacy policy https://www.mailerlite.com/legal/privacy-policy ); In caso di comunicazione dei dati a MailerLite, i dati personali dell’Utente potrebbero essere trasferiti in un paese diverso da quello in cui l’Utente si trova, anche negli Stati Uniti. MailerLite aderisce al EU-U.S. Privacy Shield.

7. Diritti dell’interessato

Tra i diritti riconosciuti agli interessati dal Regolamento UE n. 679/2016 rientrano quelli di: - chiedere l’accesso ai dati personali raccolti ed alle informazioni ad essi relative; - chiedere la rettifica dei dati inesatti o l’integrazione di quelli incompleti; - chiedere la cancellazione dei propri dati personali nelle ipotesi previste dall’art. 17, paragrafo 1 del Regolamento UE n. 679/2016; - chiedere la limitazione del trattamento dei dati dell’utente nelle ipotesi previste all’art. 18, paragrafo 1 del Regolamento UE n. 679/2016; - chiedere ed ottenere che i dati personali dell’utente trattati in modo automatizzato e acquisiti con il consenso dell'interessato o sulla base di un contratto stipulato con l'interessato siano forniti a quest’ultimo in un formato strutturato e leggibile da dispositivo automatico, anche al fine di comunicare tali dati ad un altro titolare del trattamento (diritto alla portabilità dei dati); - opporsi in qualsiasi momento al trattamento dei propri dati personali nelle ipotesi previste dall’art. art. 21 del Regolamento UE n. 679/2016. - revocare in qualsiasi momento il consenso, ma solo nell’ipotesi i cui il trattamento sia basato sul consenso per una o più finalità e riguardi dati personali comuni (come data e luogo di nascita o luogo di residenza) ovvero categorie particolari di dati (come origine razziale, opinioni politiche, convinzioni religiose, stato di salute o vita sessuale); - proporre reclamo a un’autorità di controllo e per l’Italia all’Autorità Garante per la protezione dei dati personali (www.garanteprivacy.it).

8. Modalità del trattamento

Il trattamento viene effettuato attraverso strumenti elettronici, per il tempo strettamente necessario a conseguire gli scopi per i quali i dati sono stati raccolti e, comunque, in conformità alle disposizioni normative vigenti in materia.

9. Conseguenze della mancata comunicazione dei dati personali

Il mancato conferimento dei dati richiesti all'interno del modulo newsletter comporta l'impossibilità di ricevere il servizio.