fitball per attività fisica contro osteoartrite

Osteoartrite e attività fisica: migliorare la qualità della vita del paziente

Osteoartrite e attività fisica: migliorare la qualità della vita del paziente 1024 538 TRAINING LAB ITALIA

In questo articolo parliamo di una patologia molto diffusa, l’osteoartrite, e di come l’attività fisica possa rallentare il decorso della malattia e migliorare la qualità della vita della persona.

Le cause dell’osteoartrite

LOsteoatrite è una patologia articolare cronica, molto comune con l’avanzare dell’età, associata a danni della cartilagine e dei tessuti circostanti.

Non è causata semplicemente dall’usura che si verifica con anni di utilizzo dell’articolazione, altri fattori infatti possono essere lesioni singole o ripetute, movimenti anormali, disturbi metabolici, infezioni articolari o altre patologie articolari.

cause dell'osteoartrite

Fattori di rischio per lo sviluppo di Osteoartrite

Nel tentativo di riparare un’articolazione danneggiata, nell’articolazione si accumulano sostanze chimiche che aumentano la produzione dei componenti della cartilagine, come il collagene.

Il tentativo di riparazione da parte dei tessuti può comportare una nuova crescita di cartilagine, osso e altri tessuti. L’osso può presentare un accrescimento eccessivo ai margini dell’articolazione, con protuberanze visibili e palpabili. 

Tutte le componenti dell’articolazione, osso, capsula articolare, tessuto sinoviale, tendini, legamenti e cartilagine, cedono in diversi modi, con conseguente alterazione della funzione articolare.

funzione articolare e tessuti

Nonostante l’osteoartrite possa interessare qualsiasi articolazione, questo tipo di infiammazione è particolarmente comune a livello di mani, ginocchia, anca e vertebre.

articolazioni affette da osteoartrite

Articolazioni più comunemente affette da Osteoartrite

Sintomi e diagnosi

La diagnosi si basa sui sintomi e sull’esame radiografico.

I sintomi, che si presentano lentamente, possono peggiorare col passare del tempo, e sono: 

  • dolore: durante o al termine dei movimenti interessanti l’articolazione 
  • rigidità: in particolare al risveglio o a seguito di mancanza di attività
  • indolenzimento: intorno alla zona dell’articolazione colpita
  • perdita della normale ampiezza di movimento
  • gonfiore 

Trattamento e attività fisica

Gli obiettivi principali del trattamento dell’osteoartrite sono:

  • Alleviare il dolore
  • Mantenere la flessibilità dell’articolazione
  • Ottimizzare la funzione dell’articolazione 

Questi obiettivi possono essere raggiunti anche attraverso l’attività fisica, ormai un valido strumento per il trattamento di molte patologie.

Nonostante il comune pensiero che l’esercizio fisico sia deleterio sulle articolazioni, in assenza di infortuni, non vi sono evidenze che supportino tale tesi. Al contrario invece, sembra che abbia effetti salutari sui tessuti articolari.

  • In uno studio della durata di un anno, condotto su 87 donne di età compresa tra i 60 e gli 80 anni, con una lieve osteoartrite del ginocchio, in cui hanno svolto attività fisica in acqua, è stato dimostrato come vi sia stato un aumento lineare della presenza di glicosaminoglicani (GAG), molecole tipiche dei tessuti connettivi, contenuti nella cartilagine tibiofemorale.
  • Un aumento del contenuto dei GAG, insieme a miglioramenti nelle funzioni e nell’intensità di dolore provato, è stato osservato in un altro studio della durata di 4 mesi, al quale hanno partecipato 45 soggetti tra donne e uomini con un rischio elevato di sviluppare osteoartrite al ginocchio, che hanno svolto attività moderata 3 volte a settimana, volta a migliorare la forza e il controllo neuromuscolare degli arti inferiori. Questi cambiamenti sembrerebbero dimostrare come anche la cartilagine, come muscoli e ossa, risponda e si adatti al carico fisiologico al quale è sottoposto il tessuto.
  • In un recente studio si è valutato l’effetto di un programma di attività aerobica e di forza abbinato ad una dieta bilanciata, a cui hanno preso parte 454 soggetti obesi o in sovreppeso, e con osteoartrite. Oltre alla significativa perdita di peso, vi è stata un’importante riduzione del carico a livello delle articolazioni delle ginocchia e dei livelli plasmatici di citochine infiammatorie (IL)-6, dimostrando come l’esercizio fisico abbia effetti anti-infiammatori e benefici a livello biomeccanico, sia sistemicamente che locale, dei tessuti articolari.  

Conclusioni

L’osteoartrite non è curabile e l’obiettivo della terapia è quello di migliorare la qualità della vita del soggetto controllando il dolore, la rigidità e la disabilità, mantenendo o migliorando la mobilità articolare e riducendo la limitazione funzionale.

Il trattamento non-farmacologico di tale patologia risulta essere quindi di particolare importanza per facilitare il recupero funzionale. L’esercizio fisico, coinvolgendo tutti i tessuti dell’articolazione, ha molteplici effetti sulla progressione dell’osteoartrite, come la soppressione dell’attività infiammatoria e catabolica, il miglioramento dell’attività anabolica e il mantenimento dell’omeostasi metabolica, utili per rallentare il decorso della patologia.

La figura dello specialista dell’esercizio, attraverso una valutazione funzionale e successiva somministrazione del corretto programma di esercizio strutturato, risulta quindi fondamentale per trattare e prevenire determinate patologie, e permettere di conservare un migliore stato di salute. 

Silvia Capozza
Note sull’autore
Laurea Triennale in Scienze delle Attività Motorie e Sportive con Lode Università di Bari
Certificazione Functional Trainer Training Lab Italia
Articolista Training Lab Italia

Stiamo partendo alla volta di Rimini Wellness: seguici in questo viaggio e vivi con noi tutto il dietro le quinte. Ci trovi su Facebook e su Instagram!

Bibliografia

  • David J Hunter et al.: EXERCISE AND OSTEOARTHRITIS (2009). Journal of Anatomy.
  • Munukka M et al.: PHYSICAL ACTIVITY IS RELATED WITH CARTILAGE QUALITY IN WOMEN WITH KNEE OSTEOARTHRITIS (2017). Med Sci Sports Exerc. 
  • Roos EM et al.: POSITIVE EFFECTS OF MODERATE EXERCISE ON GLYCOSAMINOGLYCAN CONTENT IN KNEE CARTILAGE: A FOUR-MONTH, RANDOMIZED, CONTROLLED TRIAL IN PATIENTS AT RISK OF OSTEOARTHRITIS (2005). Arthritis Rheum.
  • Daniel J Leong et al.: OSTEOARTHRITIS – WHY EXERCISE?(2013). J Exerc Sports Orthop.
  • Messier SP et al.: EFFECTS OF INTENSIVE DIET AND EXERCISE ON KNEE JOINT LOADS, INFLAMMATION, AND CLINICAL OUTCOMES AMONG OVERWEIGHT AND OBESE ADULTS WITH KNEE OSTEOARTHRITIS: THE IDEA RANDOMIZED CLINICAL TRIAL (2013). JAMA.